Tradizione dal 1890

Gli anni ‘70
Gli anni ‘70

Anche negli anni ‘70 il turismo in Alto Adige vide un periodo di rapido sviluppo. Merano in particolare si affermò come rinomata meta turistica, grazie alla sua posizione unica tra le montagne unita al clima mediterraneo e al suo centro storico medioevale. Così, con l’aumentare della richiesta, a Merano come nei dintorni, aumentarono le strutture ricettive.

Dal negozio di specialità alla passione per il caffè
Dal negozio di specialità alla passione per il caffè

Il 6 giugno 1960, in via Portici a Merano fu installata una tostatrice più grande, grazie alla quale si potevano tostare ben 45 kg di caffè alla volta. Negli anni successivi, l’introduzione di questa novità comportò importanti cambiamenti nel negozio di specialità gastronomiche.

I primi 125 anni di Schreyögg
I primi 125 anni di Schreyögg

“Il mio rapporto con il tema del
caffè affonda le sue radici in
una tradizione tramandata di
generazione in generazione,
trasmessami da mio padre.”



Così Peter Schreyögg intende la propria attività, enfatizzando con le sue parole
un collegamento ideale tra passato e presente. Allora, era il 1890, fu il nonno di Peter Schreyögg, il fondatore dell’azienda Josef Schreyögg (sopra, il 3° da sin.) a mettere in pratica la propria idea di aprire a Merano un negozio di specialità gastronomiche e a realizzare le basi di quella che oggi è la nostra azienda.
Il nome Schreyögg diventò presto una garanzia per i buongustai del Burgraviato: qualità e servizio furono sin dall’inizio di fondamentale importanza e referenze irrinunciabili. Ben presto, i meranesi furono letteralmente viziati da prodotti pregiati di tutto il mondo e il negozio di specialità gastronomiche divenne un riferimento di fiducia, dove acquistare alimentari anche per il settore alberghiero. Nel frattempo, Josef Schreyögg, che era anche un esperto di caffè, si specializzò sempre più su questo tema.
Aperto al progresso, installò nel 1905 la prima tostatrice elettrica che funzionava con un processo per quell’epoca decisamente moderno e super tecnologico. Va da sé che, a seguito di questo evento, l’arte della tostatura e della miscelazione si trasformò nell’attività principale dell’azienda, e ancora oggi rappresenta la vera forza della torrefazione caffè Schreyögg.

Dagli inizi al presente, e oltre
1890Il commerciante Josef Schreyögg fonda a Merano un negozio di specialità gastronomiche con prodotti coloniali e varietà di caffè da tutto il mondo. Il negozio si trova nell’odierna sede della Banca Popolare in piazza del Grano. Grazie all’assortimento speciale, i meranesi parlano del gusto esotico nel cuore delle Alpi.
1905La notizia è documentata con entusiasmo dalla stampa locale del 15 ottobre 1905: la messa in servizio della prima tostatrice elettrica. Più tardi, i meranesi ricorderanno volentieri i tempi in cui il “vecchio” Schreyögg gestiva la sua torrefazione sotto i “portici della montagna” e il profumo di caffè appena tostato si diffondeva per le vie del centro.
1913Nel listino prezzi 1913/14 si promuove la miscela speciale Schreyögg, “una miscela di caffè realizzata con particolare accuratezza che rappresenta una vera specialità del mio negozio e che potrà soddisfare i palati più delicati in quanto a gusto e aroma.”
1915Il 4 maggio 1915, Josef Schreyögg muore dopo lunga malattia. Nella rivista settimanale di Maia Alta lo descrivono come un commerciante molto abile, lungimirante, molto amato e stimato. I suoi figli assumono le redini di entrambi i negozi di specialità gastronomiche a Merano.
1945 Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Josef Paul Schreyögg, figlio del fondatore, diventa unico responsabile dell’azienda e, dopo la storica “grande svolta”, riporta l’attività agli antichi splendori.
1960Il turismo nella città di cura ricca di tradizione s’intensifica negli anni Sessanta, il che incrementa la richiesta di prodotti alimentari. Il 6 luglio 1960, sotto i “portici della montagna” si installa una tostatrice più grande per fare fronte alle richieste di forniture in aumento. Da subito, si possono tostare 45 kg di caffè per carico.
1966Il logo originale, e anche attuale, viene realizzato sulla base di uno schizzo del famoso artista Franz Lenhart, probabilmente grazie a un rapporto di amicizia con il titolare dell’azienda, almeno da quanto si evince dalle annotazioni riportate sui disegni originali. Nel corso degli anni, il logo viene modificato pur conservando il suo carattere originale.
1970-1985Ci si avventura nella specializzazione e ci si concentra sempre più esclusivamente sulla produzione di specialità di caffè di primissima qualità.
1981Alla morte del padre Josef Paul, Peter Schreyögg prende in mano l’azienda all’età di 21 anni. Nonostante la forte concorrenza nel settore del caffè in Italia, la fetta di mercato conquistata dalla torrefazione caffè Schreyögg non solo si conferma, bensì si rafforza. Il target principale è rappresentato dai settori gastronomici e alberghieri locali; dapprima le catene di supermercati non vengono prese in considerazione.
1982Introduzione del servizio tecnico clienti aziendale, che propone un vasto servizio di assistenza ai clienti. La produzione del caffè, e tutto ciò che concerne macchine da caffè e macinini, sarà d’ora in poi gestita in modo centrale, in quanto gli aspetti sono strettamente legati fra loro.
1983Rinnovo della linea di confezioni. Il nuovo corporate design si estende a tutti i prodotti pubblicitari, alle auto aziendali e alle presenze in fiera.
1985Il vecchio locale presso i portici non può più sostenere le esigenze aziendali, pertanto l’attività viene trasferita nella zona artigianale Passiria dopo quasi 100 anni di commercio in centro.
1987Trasferimento nel nuovo edificio, festa d’inaugurazione il 14 febbraio. La stampa riporta la notizia con il titolo “Schreyögg lascia il centro storico”. Nel rispetto dell’ambiente, un complesso sistema di filtri contribuisce alla riduzione dei gas di scarico e dell’emissione di fumo. Nonostante l’impiego di nuovi macchinari, si resta fedeli alla tostatura tradizionale a tamburo.
1997Schreyögg vive una fase di forte espansione e, da espositore alla fiera internazionale di prodotti alimentari più importante, il salone ANUGA di Colonia, si presenta con la propria linea di prodotti per il commercio da esportazione.
2000Una nuova situazione di congestione a Merano richiede la progettazione di una nuova costruzione a Parcines. Il 27 ottobre 2000, si iniziano i lavori. Un comunicato stampa del comune commenta “Schreyögg sta arrivando”.
2001Nel marzo 2001, iniziano i lavori a Rablà che si concluderanno in tempi record. Il 26 novembre 2001 ha luogo il trasferimento nei nuovi locali.
2002Il 2 marzo si tiene la festa d’inaugurazione ufficiale, in concomitanza con la giornata delle porte aperte. Oltre 1000 ospiti, da Italia ed estero, partecipano ai festeggiamenti. Il trasferimento da Merano a Parcines porta con sé anche l’ottimizzazione della qualità e della sicurezza.
2004Presentazione della nuova linea di confezioni. L’incremento dell’esportazione, soprattutto nel commercio specializzato, richiede una differenziazione nei colori delle diverse miscele di caffè, in modo che il cliente finale sia in grado di riconoscere immediatamente il suo prodotto sullo scaffale.
2006L’assortimento si arricchisce delle cialde monodose di caffè, i cosiddetti pods. Un nuovo macchinario consente di gestirne la produzione internamente.
2010Rielaborazione della linea di confezioni, che si focalizza sulla marca e sul logo.
2012La torrefazione caffè Schreyögg diviene un centro permanente per la formazione. I “punti di formazione permanente” dell’Istituto Internazionale Assaggiatori di Caffè hanno l’obiettivo di promuovere e trasmettere la cultura del caffè. I corsi del centro formazione forniscono competenza e lezioni pratiche, accolte con entusiasmo. In particolare, i corsi Latte Art riscuotono molto successo.
2014Con convinzione, si sviluppa la prima miscela per espresso da commercio equo e solidale della torrefazione caffè Schreyögg. Organizzazioni quali Fairtrade apportano un prezioso contributo all’incentivazione dei Paesi svantaggiati di tutto il mondo e al rafforzamento dell’equilibrio globale.
2015I primi 125 anni della torrefazione caffè Schreyögg, oggi una delle aziende familiari più importanti dell’Alto Adige e oltre confine. La torrefazione caffè Schreyögg convince per la qualità e conquista per la varietà.

Produrre caffè è un lavoro artigianale particolare che richiede un lungo apprendimento. Solo dopo anni di esperienza si possiedono le conoscenze necessarie e si può scoprire e comprendere la variegata ricchezza contenuta nel caffè. Il caffè, inteso come prodotto naturale, dipende ed è condizionato da molteplici fattori. È pertanto rilevante poter valutare il prodotto crudo per tararne la tostatura, per valutarne il gusto e dargli forma, al fine di ottenere la perfezione nella tazzina. Un notevole accumulo di esperienza è la base e la forza della nostra azienda.

La torrefazione, ricca di tradizione, è guidata, nella terza generazione, da Peter Schreyögg. Egli cura personalmente l’acquisto delle materie prime, la produzione e la distribuzione. La continua crescita dell’azienda è garantita dall’affiatamento di un team di specialisti nella produzione, di tecnici di macchine da caffè, di impiegati nell’amministrazione e da una squadra per la commercializzazione in Italia e all’estero.

La produzione di un caffè espresso di elevato valore è la nostra specialità. L’ampio assortimento, sviluppato nel corso di decenni in base al gusto ed alle preferenze dei clienti, abbraccia anche le più raffinate miscele di caffè da filtro per la colazione, di caffè bio, di vari caffè per i distributori automatici di vari gusti e di caffè decaffeinato.

I prodotti si contraddistinguono innanzitutto per la loro digeribilità e l’equilibrio particolarmente graditi all’utente finale. Massima cura dal chicco fino alla tazza: per le nostre eccellenti miscele ci basiamo rigorosamente su ”specialità” provenienti da piantagioni selezionate e nobilitate con tutte le regole dell’”arte della torrefazione”. Ne risulta una qualità costante, conseguita con i nostri procedimenti particolari di tostatura e con impegnativi processi di miscelazione.

Schreyögg: sapori coloniali
Schreyögg: sapori coloniali

L’azienda Schreyögg vanta una storia di 120 anni di attività familiare: oggi, la tradizione e l’esperienza sono il fiore all’occhiello anche della quarta generazione.

Il logo Schreyögg di Franz Lenhart
Il logo Schreyögg di Franz Lenhart

Per molto tempo, non si sapeva dove fosse fi nito questo vero gioiello, ma quando nel 2002 la torrefazione caffè Schreyögg si è trasferita a Rablà, ecco che i disegni originali sono riemersi. 

La prima tostatrice elettrica
La prima tostatrice elettrica

Dato che il commercio del caffè nel negozio di prodotti coloniali stava riscuotendo un successo crescente, nel 1905 Josef Schreyögg decise di tostare una quantità maggiore di caffè. L’acquisto di una tostatrice elettrica era la risposta a questa esigenza.

Contenitori di caffè di ultima generazione
Contenitori di caffè di ultima generazione

Il listino prezzi del 1913/14 della prima torrefazione caffè di Merano di Josef Schreyögg si fregia della tecnica più all’avanguardia.

Spezie e specialità da Schreyögg
Spezie e specialità da Schreyögg

La varietà dell’emporio di spezie e specialità gastronomiche, che si trovava nella piazza tra la passeggiata lungo il Passirio e l’odierno corso della Libertà di Merano, era sorprendente. Il caffè verde si acquistava addirittura a chili. Oltre alle varietà più note come Santos, Java e Costarica, l’assortimento spaziava fi no alle varietà esotiche. All’epoca, i tipi di caffè erano accompagnati da descrizioni molto caratteristiche.

Lisl, la diligente!
Lisl, la diligente!

Dagli anni 50, per una quantità crescente di persone, viaggiare è stato sempre più accessibile; negli anni 60, il clima mediterraneo della città di Merano, come anche l’affascinante cornice paesaggistica delle Alpi, ha attirato sempre più ospiti nella tradizionale città di cura.

La confezione la dice lunga
La confezione la dice lunga

Il marketing della metà dello scorso secolo era ancora agli albori, ma già allora era noto che una confezione accattivante non fa che favorire l’acquisto.

Un ospite gradito
Un ospite gradito

In occasione dei 125 anni della torrefazione caffè Schreyögg, nel 2015 si è tenuta una grande festa con tutti i dipendenti. Vi ha partecipato anche un fedele dipendente della prima ora.

indietro top