La "selezione ottica"

Tecnologia per specialità pregiate di caffè

Tecnologia per specialità pregiate di caffè: tradizione e tecnologia produttiva, particolarmente esigente e laboriosa, si completano in modo perfetto. Vogliamo farvi conoscere una fase speciale del ciclo produttivo e spiegarvi cosa intendono i professionisti del caffè quando parlano di “selezione ottica”.

La qualità è da sempre il criterio essenziale adottato nel mercato del caffè, in quanto la prima richiesta del consumatore si rivolge principalmente a essa. Senza questa garanzia, il consumatore non può e non deve avere fiducia nel prodotto. Si rivela quindi fondamentale rimuovere tutti quei difetti che un prodotto come il chicco di caffè può presentare. La prima selezione avviene proprio in fase di acquisto, ma è altrettanto importante verificare la qualità anche in fase di torrefazione. La soluzione vincente, oltre che rapida ed efficace, è rappresentata dal dispositivo elettronico di selezione ottica. Una volta che i chicchi selezionati a regola d’arte sono stati tostati nel modo tradizionale e la procedura di miscelatura è stata completata, avviene la selezione ottica. Questa fa in modo che i chicchi che non presentano il tono di colore stabilito dalle prescrizioni e/o non corrispondono completamente ai parametri per altre caratteristiche, sono rilevati con estrema precisione dai sensori del dispositivo di selezione ed eliminati. Con lo stesso grado di precisione, il dispositivo di selezione ottica rimuove qualsiasi frammento di prodotto, a garanzia di una selezione impeccabile e di una purezza di prodotto davvero eccellente. Quella del caffè firmato Schreyögg, cui si affidano da sempre i nostri clienti.

La "selezione ottica"
indietro top